Castro

Dove approdò Enea

  • Sabato, 26 Gennaio 2019
Dove approdò Enea
  • Foto di Eduardo DE MATTEIS

Castro – Importante località turistica, centro peschereccio e balneare, vanta origini antiche quale erede della romana Castrum Minervae. Fu una delle prime città del Salento ad essere elevata al rango di contea e fu anche sede vescovile fino al 1818. Ma Castro è famosa perché, si dice, vi approdò Enea. E’ il poeta Virgilio, nell’Eneide, a collocare il primo approdo di Enea in Italia a Castrum Minervae (di fronte a Butroto, nell’Epiro). il suo porto era dominato da un alto promontorio alla sommità del quale si ergeva il maestoso tempio consacrato alla dea Minerva. Gli scavi del 2007, che hanno interessato l’acropoli di Castro, hanno portato alla luce le tracce di un santuario probabilmente dedicato a Minerva, l’Atena dei Greci. Questa scoperta conferma il centro salentino come la mitica Castrum Minervae, approdo di Enea.

Il Grande Salento Direttore Lino De Matteis - Testata iscritta al n. 3/2014 del Registro Stampa del Tribunale Lecce - Cell. +39 335 8281686 - redazione@ilgrandesalento.it | Editore: Glocal Editrice Lecce | Powered by Clio S.r.l. Lecce | Glocal Editrice © copyright 2018-2019 | Tutti i diritti riservati | Privacy policy