Manni/ Ingravallo, Aprile, Tiberi

La Grotta dei Cervi e la preistoria nel Salento

  • Martedì, 21 Maggio 2019
La Grotta dei Cervi e la preistoria nel Salento
  • Titolo: La Grotta dei Cervi e la preistoria nel Salento
  • Autori: Elettra Ingravallo, Giorgia Aprile, Ida Tiberi
  • Editore: Manni Editori, anno 2019, pagine 192, euro 20,00 

Il volume traccia la storia del genere Homo attraverso le varie epoche e in particolare le vicende legate alle grotte, del Salento ma non solo.
Per tutta la durata della preistoria le grotte hanno offerto riparo e protezione e sono state considerate il luogo ideale per entrare in contatto col divino e con il mondo “di sotto”.
Fin dal Paleolitico l'uomo le ha utilizzate come abitazione, e anche per allestire cerimonie, praticare riti, seppellirvi i morti, rendendole dunque imprescindibile punto di ritrovo e socializzazione.
In particolare il libro analizza la Grotta dei Cervi (Porto Badisco – Otranto), frequentata a partire dal Paleolitico e fino all'Età messapica e romana, uno dei monumenti d’arte parietale piu? importanti del Mediterraneo, nota come la Cappella Sistina della preistoria per la ricchezza delle raffigurazioni.
Sede di cerimonie collettive in onore della Grande Madre, vi sono confluite genti da tutto il bacino del Mediterraneo, fino a farne un fondamentale crocevia per stringere patti, scambiarsi doni, incontrare persone di altri luoghi.
Il fascino delle pitture che si snodano lungo le pareti della Grotta dei Cervi racconta di un linguaggio che, nella condivisione di codici espressivi, non conosce barriere territoriali, travalica le singole culture regionali e nel suo essere elusivo e allusivo si fa cerimonia, preghiera, narrazione.

Elettra Ingravallo
Ha insegnato Paletnologia presso l’Università del Salento. Si è occupata in modo particolare di Neolitico ed Eneolitico mettendo in luce la rete di scambi nel Mediterraneo e il ruolo di primo piano che in essi ebbe il Salento. Dalle testimonianze nelle grotte salentine emerge il dinamismo della cultura locale e la condivisione in questo territorio di miti e culti che hanno scandito la storia delle popolazioni preistoriche.

Giorgia Aprile
È archeologa specializzata in Preistoria e Protostoria e dottore di ricerca in Storia e archeologia globale dei paesaggi, collabora con l’Università del Salento e la Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio. Le sue ricerche hanno riguardato soprattutto la paleobotanica. Ha preso parte a numerosi progetti di valorizzazione e musealizzazione del patrimonio preistorico e protostorico pugliese, tra cui l’allestimento della sezione preistorica del Museo archeologico nazionale di Taranto - MARTA.

Ida Tiberi
È laureata e specializzata in Archeologia preistorica. Dottore di ricerca in Scienze del patrimonio culturale, collabora con l’Università del Salento e la Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio. Ha condotto numerosi scavi preistorici e protostorici e indagato il fenomeno dei culti in grotta. Ha partecipato all'allestimento di musei, tra cui il MARTA di Taranto.

Il Grande Salento Direttore Lino De Matteis - Testata iscritta al n. 3/2014 del Registro Stampa del Tribunale Lecce - Cell. +39 335 8281686 - redazione@ilgrandesalento.it | Editore: Glocal Editrice Lecce | Powered by Clio S.r.l. Lecce | Glocal Editrice © copyright 2018-2019 | Tutti i diritti riservati | Privacy policy