• Home
  • Rubriche
  • Cosa fare
  • Un caffè al bar per tornare a sentirsi vivi
M’illumino d’Espresso

Un caffè al bar per tornare a sentirsi vivi

  • Mercoledì, 17 Giugno 2020
Un caffè al bar per tornare a sentirsi vivi

Antonio Quarta: «Il rito del Caffè Espresso Italiano riuscirà a superare questa terribile crisi. Ottimismo per il sud Italia: vedremo nei prossimi tre mesi una notevole affluenza turistica perché gli italiani preferiranno trascorrere le ferie nel nostro bel paese».

  • Il 98% dei bar ha riaperto o riaprirà nei prossimi giorni.
  • Circa il 25% degli Italiani continua a percepire il bar come luogo di relax. Un altro 25% lo vive come luogo di incontro con i propri amici.
  • Secondo una ricerca dello IEI, il 72% dei consumatori si dichiara disposto a pagare di più il caffè in presenza di maggiore sicurezza del luogo di consumo.
  • Ripartenza anche per il comparto dei torrefattori e dei produttori di macchine.

Sono giorni frenetici quelli che stiamo vivendo. I giorni della “riapertura” per tante attività, non senza paure e preoccupazioni dopo mesi di pandemia. Un momento di rinascita anche per la Comunità del Rito del Caffè Espresso. Dai Torrefattori ai consumatori, passando per i bar, tutti hanno visto una luce in fondo al tunnel. Anche se tra le difficoltà del caso, avere la possibilità di ripartire è stato un segnale di fiducia che ha permesso di muovere i primi passi dopo la sosta forzata.

«Luciano de Crescenzo ha scritto: “Vi siete mai chiesti cos’è il caffè? Il caffè è una scusa, una scusa per dire ad un amico che gli vuoi bene”. E che dire di quel movimento ripetuto due volte con la mano destra, con il pollice e l’indice uniti e le atre tre dita a ventaglio all’insù, quando incontri per strada la persona giusta per degustare un buon caffè in compagnia, in un bar sempre pronto ad accoglierci per sentire il calore dell’amicizia? Sono certo che in queste parole, in questi gesti, si possono ritrovare tutti i valori culturali e sociali del rito del caffè espresso italiano che con ottimismo, riuscirà a superare questa terribile crisi - dichiara Antonio Quarta, amministratore di Quarta Caffè -. Si perché nelle loro abitudini, gli italiani del caffè espresso al bar non ne possono proprio fare a meno. Oggi a dispetto delle peggiori previsioni vediamo invece che il comparto ha reagito positivamente; Infatti circa il 98% degli gli esercenti, con coraggio e professionalità, hanno riacceso le caldaie delle vaporose macchine professionali da espresso, pronti a riaprire nel rispetto di tutte le regole. Purtroppo in questo momento c’è l’obbligo di rispettare le distanze sociali, e gli avventori sono tutti in fila per poter entrare nei locali. Tuttavia, sono sicuro che l’importante sia ripartire, ripeto, con fiducia e ottimismo, perché tutta la situazione andrà a migliorare, soprattutto nelle regioni meridionali. Queste ultime infatti certamente vedranno nei prossimi tre mesi una notevole affluenza turistica in quanto molti italiani preferiranno trascorrere le ferie e le vacanze nel nostro bel paese».

La tanto agognata ripartenza era certamente tra i desideri di tutti, basta dare uno sguardo ai numeri. Secondo una recente indagine della Fipe, Federazione Italiana Pubblici Esercizi, la stragrande maggioranza dei bar (il 95%) ha riaperto, mentre il 3% si è dichiarato pronto a riaprire nei prossimi giorni con tutte le tutele del caso, avendo già provveduto alla sanificazione dei locali e a fornire tutti i dispositivi di sicurezza, come guanti e mascherine, a tutti i dipendenti. Solo il 2% dichiara che non riaprirà a breve. Segnale inequivocabile del fatto che tutti mordevano il freno e non aspettavano altro che un ritorno alla normalità. Così come tutti gli amanti dell’espresso, che non appena hanno potuto, sono tornati ad assaporare un rito sociale che per troppo tempo è mancato generando nostalgia diffusa per quelle abitudini interrotte. Dunque, il virus non è riuscito ad intaccare il rapporto che gli italiani hanno con il bar, neanche in un momento in cui non è stato possibile viverne a pieno le caratteristiche di socialità e condivisione. Secondo una ricerca commissionata dallo IEI (Istituto Espresso Italiano) e condotta da YouGov, infatti, il bar rimane per il 25% del campione intervistato l’occasione per passare tempo con gli amici e i colleghi (prima della crisi erano il 33%) e per un altro 25% un momento di pace e relax (stessa percentuale prima dell’emergenza). Un dato interessante è quello secondo il quale i clienti sarebbero anche disposti a pagare un prezzo maggiore per il caffè al bar: il 72% si dichiara pronto a farlo in presenza di una maggiore sicurezza del luogo di consumo. Al primo posto tra gli accorgimenti più apprezzati l’igienizzazione continua dei tavoli (42% del campione intervistato) e la pulizia di stoviglie con prodotti particolari (29%).

«M’illumino d’espresso. Questo riferimento ungarettiano potrebbe essere il titolo per questo importante momento storico che passerà alla storia come quello delle “riaperture” e che per la stragrande maggioranza degli italiani ha coinciso con il ritorno a un “sacro” rituale pubblico: la consumazione del caffè espresso tradizionale al bancone o ai tavolini del bar - dichiara Massimo Cerulo, professore di Sociologia all’Università degli studi di Perugia e in Sorbona (CERLIS-Paris Descartes) -. È da qualche settimana che assistiamo a un profluvio di immagini mediatiche che ci mostrano persone di tutte le età intente a riappropriarsi di quella pratica prettamente italiana: la degustazione dell’espresso, che racchiude in sé significati sociali fondamentali. Molti di noi, ritornando a consumare il caffè al bar (già dal 4 maggio tramite l’asporto) ci siamo rassicurati e sentiti vivi. Rassicurati sul fatto che il mondo esterno fosse così come lo avevamo lasciato due mesi fa. Che le città, i quartieri, gli esercizi pubblici continuassero a trovarsi al “solito posto”, pronti ad accoglierci come sempre. Inoltre, attraverso la consumazione della bollente e rigenerante tazzina, ci siamo anche sentiti vivi: esisto, sono sopravvissuto, posso tornare a immergermi nella società. Parafrasando Manuel Vazquez Montalban, dopo il primo espresso al bar abbiamo avuto conferma che il cielo e la terra fossero lì dove li avevamo lasciati».

«Riaprire i locali pubblici è un segnale di grande speranza per tutta la nostra Comunità - sottolinea Giorgio Caballini di Sassoferrato, presidente del Consorzio di Tutela del Caffè Espresso Italiano Tradizionale -. Il valore culturale e sociale del rito del Caffè Espresso Italiano Tradizionale è inestimabile ed è sopravvissuto a una crisi senza precedenti proprio grazie al suo profondo radicamento nelle abitudini di tutti gli Italiani. Il mio pensiero, così come quello di tutto il Consorzio, va ai protagonisti che da sempre danno vita a questo magico rituale. È stato un momento molto difficile e le sfide che ci attendono saranno altrettanto ardue da superare, ma bisogna essere forti. Tornare a sentire il profumo della tostatura per un torrefattore, riaccogliere i propri clienti per un barista, portare alle labbra la tazzina calda per un consumatore, sarà la leva per ripartire, più forti di prima. Questo è il nostro augurio e la nostra speranza!».

Il Consorzio di Tutela del Caffè Espresso Italiano Tradizionale nasce il 15 settembre 2014 a Treviso con l’obiettivo di promuovere, valorizzare e tutelare il Caffè Espresso Italiano Tradizionale presso gli operatori del settore e presso i consumatori. Possono entrare a far parte del Consorzio le imprese e gli enti del settore del caffè, quali torrefattori, produttori di caffè e di macchine per il caffè e di altre attrezzature inerenti alla produzione o erogazione del caffè che condividano lo scopo consortile ed abbiano la sede e la produzione in Italia. Il Consorzio è composto da imprese del settore sparse nel territorio nazionale, e da alcuni enti che sostengono con convinzione questo progetto, tra gli altri il Gruppo Italiano Torrefattori (socio costituente) e la Federazione Italiana Pubblici Esercizi. Dal 2015 ad oggi il Consorzio è impegnato anche nell’ottenimento della candidatura all’UNESCO per il riconoscimento di Patrimonio Immateriale dell’Umanità del Caffè Espresso Italiano Tradizionale.

Il Grande Salento Direttore Lino De Matteis - Testata iscritta al n. 3/2014 del Registro Stampa del Tribunale Lecce - Cell. +39 335 8281686 - redazione@ilgrandesalento.it | Editore: Glocal Editrice Lecce | Powered by Clio S.r.l. Lecce | Glocal Editrice © copyright 2018-2020 | Tutti i diritti riservati | Privacy policy