Traffico urbano

Taxi, questo sconosciuto

  • Giovedì, 01 Novembre 2018
Taxi, questo sconosciuto

Un mezzo poco utilizzato dai salentini e non incentivato dalle amministrazioni comunali. L’utilizzo dei taxi, a tariffe ridotte nella cinta urbana, consentirebbe di snellire il traffico urbano.

Il traffico urbano soffoca anche i tre capoluoghi salentini di Brindisi, Lecce e Taranto. Piani traffico, chiusura dei centri storici, aree parcheggi, bus urbani ecc. contribuiscono, certo, ad abbassare la febbre della mobilità urbana, ma il paziente resta cronicamente ammalato. Eppure c’è un mezzo di trasporto pubblico come il taxi che in altre realtà contribuisce a risolvere buona parte del problema della mobilità cittadina, mentre da noi è completamente ignorato dai residenti. 

Qui nel Salento l’uso del taxi è ad esclusivo consumo dei turisti o uomini d’affari che giungono da fuori, mentre è quasi inesistente per i residenti, un po’ per un’atavica abitudine e ritrosia ad utilizzarlo e un po’ per i costi eccessivi. Qui è facile vedere schiere di taxi fermi in piazza, vicino alle stazioni ferroviarie o all’aeroporto di Brindisi che attendono il forestiero da spennare.  

I tassinari salentini preferiscono fare poche corse ma ben retribuite, invece che circolare continuamente per la città a disposizione dei residenti, come avviene altrove. E si capisce perché: mentre a Roma o Milano con 20 euro ti portano da un capo all’altro della città, a Lecce da piazza Sant’Oronzo ti portano appena alla stazione dei treni; un po’ più economico è andare dal porto esterno alla stazione ferroviaria di Brindisi; mentre a Taranto c’è almeno una tariffa urbana fissa che consente di andare dal Ponte Girevole a viale Magna Grecia con sei euro e un’unica tariffa a 5 euro per i giovani che si recano nelle discoteche.  

Soprattutto a Lecce, che ha le tariffe più care, ma anche negli altri due capoluoghi salentini, le amministrazioni comunali dovrebbero incentivare l’uso del taxi stabilendo delle tariffe fisse economiche nell’ambito della cinta urbana. Il taxi a tariffa agevolata per i cittadini residenti potrebbe essere l’uovo di colombo per alleggerire il traffico cittadino, la rivoluzione che ammodernerebbe finalmente anche le nostre città: si potrebbe uscire da casa a piedi a fare le commissioni e le spese della giornata, evitando lo stress del traffico, il nervoso per trovare il parcheggio e l’esborso per pagare la sosta a tariffe sempre più esose e, poi, prendere il taxi per fare ritorno a casa, con la stessa spesa quasi del parcheggio, senza stress e nervoso per la guida. Perché non provarci?

Il Grande Salento Direttore Lino De Matteis - Testata iscritta al n. 3/2014 del Registro Stampa del Tribunale Lecce - Cell. +39 335 8281686 - redazione@ilgrandesalento.it | Editore: Glocal Editrice Lecce | Powered by Clio S.r.l. Lecce | Glocal Editrice © copyright 2018-2019 | Tutti i diritti riservati | Privacy policy