Primarie di centrosinistra

Sarà Gentile a sfidare Emiliano?

  • Lunedì, 01 Luglio 2019
Sarà Gentile a sfidare Emiliano?

La candidatura dell'ex eurodeputata ed ex assessore regionale Elena Gentile sembra in grado di raccogliere il gradimento delle varie anime di oppositori al governatore Michele Emiliano.

Prende consistenza la candidatura di Elena Gentile alle primarie del centrosinistra in alternativa al governatore uscente Michele Emiliano. Una candidatura che sembra essere in grado di unire le varie anime degli oppositori di Emiliano, dai renziani ai vendoliani passando per i gruppi del civismo progressista pugliese. Nei giorni scorsi la stessa Elena Gentile aveva dichiarato alla stampa di essere disponibile a correre per le primarie del centrosinistra, un messaggio trasversale lanciato alle varie componenti di sinistra e riformiste della coalizione che guida la Regione Puglia e che, negli ultimi anni, hanno fortemente criticato il protagonismo individuale del governatore e la sua spregiudica pratica politica di cercare consensi personali affidando incarichi ad esponenti del centrodestra pugliese (vedi Massimo Cassano, nominato all’Arpal, e Simeone Di Cagno Abbrescia, alla presidenza dell’Aqp).

E proprio la foggiana Elena Gentile sembra essere la vittima-emblema della surreale politica di Emiliano. Alla sua recente mancata rielezione all'Europarlamento, infatti, non sembra essere estranea la campagna elettorale in favore del candidato leghista fatta da parte dell'assessore regionale Leonardo Di Gioia, anche lui foggiano. La Gentile non è stata rieletta per una manciata di voti, mentre è stato eletto il candidato leghista sostenuto da Di Gioia. Ma, nonostante la posizione ufficiale in favore della Lega assunta da Di Gioia, Emiliano non ha battuto ciglio e ha lasciato al suo posto l'assessore, incurante delle proteste di una buona parte del suo ex partito, il Pd, e della sinistra.

Elena Gentile, già eurodeputato e assessore regionale con Vendola, avrebbe il vantaggio di essere una candidata del Pd, partito rimasto senza rappresentante dopo che Emiliano è stato costretto a rinunciare all'iscrizione per incompatibilità con suo essere ancora un magistrato. Oltre alla sua disponibilità, l’unica candidatura ufficializzata, al momento, è quella del sociologo barese Leonardo Palmisano, sostenuto dal gruppo civatiano di “Possibile” e dai Verdì. Voci su una possibile candidatura riguardano il senatore Dario Stefano, che incontrerebbe il favore anche dei vendoliani, e la senatrice Teresa Bellanova, sostenuta dai renziani.

Con il passare dei giorni, la manifestata disponibilità di Gentile sembra farsi strada e starebbe conquistando i favori di tutta l'area dissidente, da “La giusta causa”, che fa riferimento all’avvocato barese Michele Laforgia, alla neonata associazione “C-entra il futuro”, costituita da sei consiglieri regionali del centrosinistra (alcuni del Pd come Fabiano Amati, Sergio Blasi, Donato Pentassuglia e Ruggiero Mennea, il centrista Napoleone Cera e il civico Gianni Liviano). Nulla ancora di ufficiale, ma una percezione che sembra attraversare le varie correnti dell'opposizione ad Emiliano, che ha concesso la sua disponibilità alle primarie di coalizione. Resta da stabilire quando si faranno le primarie.

Il Grande Salento Direttore Lino De Matteis - Testata iscritta al n. 3/2014 del Registro Stampa del Tribunale Lecce - Cell. +39 335 8281686 - redazione@ilgrandesalento.it | Editore: Glocal Editrice Lecce | Powered by Clio S.r.l. Lecce | Glocal Editrice © copyright 2018-2019 | Tutti i diritti riservati | Privacy policy