I festeggiamenti del Santo Patrono a Lecce

Sant’Oronzo il grande assente

  • Giovedì, 22 Agosto 2019
Sant’Oronzo il grande assente

In occasione dei suoi festeggiamenti, dal 24 al 26 agosto, il Santo Patrono non sarà presente. Sceso dalla colonna mesi addietro per un restauro non vi è mai risalito e, dunque, quest'anno, non presenzierà, nel giorno della sua festa, nell’omonima piazza di Lecce, ai festeggiamenti in suo onore.

di Barbara ANDREETTI

Nel “salotto cittadino” di Lecce, nel cuore del centro storico, quest’anno non ci sarà la rassicurante presenza della statua del Santo Patrono, che da secoli sovrasta la piazza omonima dall’alto della sua colonna. Sant’Oronzo non assisterà perciò ai suoi festeggiamenti, che la città gli riserva devotamente ogni anno, dal 24 al 26 agosto. Alcuni mesi fa, infatti, è stato necessario rimuovere la statua dal suo piedistallo per consegnarla alle amorevoli cure di tecnici esperti per un intervento di restauro conservativo.

Sant’Oronzo è molto amato dai leccesi. Nel Seicento sostituì la protettrice, Sant’Irene, poiché gli fu attribuita la preservazione della città dalla peste che colpì il Regno di Napoli nel 1656. I primi lavori per la realizzazione del monumento iniziarono nel 1666, ripresi nel 1681, ultimati cinque anni dopo e seguiti dall’architetto leccese Giuseppe Zimbalo. L’attuale versione della statua fu realizzata a Venezia nel 1739, in bronzo, alta circa 4 metri, in sostituzione della precedente, distrutta da un razzo in occasione dei festeggiamenti del Santo, poggia su una colonna di 29 metri circa e su un capitello, entrambi di epoca romana ed un tempo posti al termine della via Appia a Brindisi.

A seguito della relazione prodotta sulla base di indagini diagnostiche propedeutiche al restauro della statua (relazione trasmessa dalla ditta Colaci Emilio Impianti e Restauri, a firma del prof. Alfredo Castellano nel Laboratorio di Archeometria e Fisica dell’Ambiente dell’Università del Salento) è emersa una situazione di precarietà statica del manufatto. La struttura lignea portante posta all’interno della statua non è più in grado di garantire la consistenza e la staticità della statua stessa e necessita di lavori di consolidamento dell’ossatura interna che hanno richiesto lo spostamento dalla sommità della colonna in un sito adeguato. L’amministrazione comunale ha indicato il sito nel Palazzo di Città ottenendo, lo scorso 23 novembre, l’autorizzazione da parte della Sovrintendenza. La sua attuale collocazione permette un coinvolgimento dei cittadini, che possono ammirarla e seguire da vicino le operazioni di restauro.

Che dopo tanti anni, il Santo avesse necessità di una ritoccatina è pacifico, ma quest’anno in occasione della grande festa in suo onore qualcosa mancherà, la sua presenza ingombrante e rassicurante. Le luminarie sono pronte, i leccesi altrettanto, le polemiche anche, come ogni “Sant’Oronzo” che si si rispetti. Attualmente la statua è collocata nell’atrio di Palazzo Carafa, sede degli uffici del Comune, in bella vista per i visitatori di ogni dove.

Risalgono a marzo le informazioni relative al completamento dell’intervento di recupero di una porzione della statua, altre fonti riferiscono che saranno le nanotecnologie a preservare il monumento del Santo, un dispositivo tecnologico assicurerà i necessari trattamenti conservativi. Ad oggi non è dato conoscere ufficialmente i tempi di realizzazione dell’intervento. Visitando il sito del Comune di Lecce alla pagina relativa ad “Amministrazione trasparente” ed entrando in “Opere pubbliche” e “Tempi, costi e indicatori di realizzazione delle opere pubbliche” non è ancora visibile alcuna informazione.

Sant’Oronzo, venerato dai cittadini, onorato, portato in spalla durante la processione del 24 agosto, è spesso invocato e metaforicamente “scisu” dai leccesi che si rivolgono a lui per i più disparati motivi. Ora si spera possa tornare presto lassù per vegliare sulla città. Si attende con ansia la risalita del Santo, magari in occasione della festa patronale del prossimo anno.

Il Grande Salento Direttore Lino De Matteis - Testata iscritta al n. 3/2014 del Registro Stampa del Tribunale Lecce - Cell. +39 335 8281686 - redazione@ilgrandesalento.it | Editore: Glocal Editrice Lecce | Powered by Clio S.r.l. Lecce | Glocal Editrice © copyright 2018-2019 | Tutti i diritti riservati | Privacy policy