Su Rai2 l’evento di Melpignano ha assunto il suo volto

Belén snatura la Notte della Taranta

  • Domenica, 25 Agosto 2019
Belén snatura la Notte della Taranta

Gli spettatori di Rai2 hanno assistito ieri sera al più importante evento estivo del Salento attraverso la “madrina” Belèn Rodriguez e suo marito Stefano De Martino.

Le polemiche della vigilia avevano un fondamento. La “Taranta” di Melpignano ha assunto ieri sera su Rai2 il volto della showgirl Belén Rodriguez e di suo marito Stefano De Martino, che hanno dimostrato quanto di più lontano poteva esserci da uno spettacolo di forte contenuto culturale ed identitario come quello della “Notte della Taranta”. Se non fosse stato per la preparazione e competenza del giornalista Gino Castaldo, la conduzione della coppia sarebbe stata un insulto alla tradizione salentina.

Vista alla televisione, le polemiche seguite all'annuncio che la coppia Belén-De Martino avrebbe condotto la “Notte della Taranta” si sono dunque dimostrate fondate. Che l’accostamento di due personaggi così popolari a una manifestazione dal carattere marcatamente culturale poteva stravolgere il Dna della stessa manifestazione erano consapevoli sia i dirigenti della Fondazione che organizza l'evento sia lo stesso direttore di Rai2, Carlo Freccero. Tanto che, alla vigilia dell’evento, si sono affrettati a specificare che i due personaggi avrebbero avuto una funzione solo per il pubblico televisivo, ma non per il pubblico presente all'evento, dal momento che non sarebbero saliti sul palco, ma sarebbero stati tenuti lontani, dietro le quinte, per raccontare questa edizione dell'evento in tv.

«Scegliere Belén Rodriguez e Stefano De Martino non è stata una provocazione. È il modo per pedagogizzare un pubblico che non conosce assolutamente questo fenomeno misterioso e complesso che ha fatto aprire dibattiti sulla antropologia culturale e che ha fatto scrivere una miriade di libri. Belén e Stefano sono due personaggi tarantolati mediaticamente, sono dentro le onde mediatiche di Instagram, televisione e media. Li ho scelti apposta perché, oltretutto, sono belli. Sono eroticamente potenti. Vorrei che ogni coppia avesse la pizzica che hanno loro», questa spiegazione di Freccero non richiede commenti, perché spiega bene da sola l’intenzione di forzare un evento sostanzialmente culturale in un evento puramente commerciale per accrescere gli ascoltatori.

C’è da dire che, attraverso gli schermi televisivi, l’edizione di quest’anno è apparsa un po’ un “contenitore” nel quale, salvo qualche accezione, far confluire di tutto e di più. Lo spettacolo vero lo ha dato però il numeroso pubblico presente a Melpignano, che, attraverso le immagini della sua appassionata partecipazione alla “terapia” musicale della pizzica, ha sottolineato la popolarità che conserva ancora la “Notte della Taranta” nella realtà e il desiderio di preservare il suo spirito originario.

Il Grande Salento Direttore Lino De Matteis - Testata iscritta al n. 3/2014 del Registro Stampa del Tribunale Lecce - Cell. +39 335 8281686 - redazione@ilgrandesalento.it | Editore: Glocal Editrice Lecce | Powered by Clio S.r.l. Lecce | Glocal Editrice © copyright 2018-2019 | Tutti i diritti riservati | Privacy policy